Excite

Borsa USA: preoccupazioni dal Mondo Arabo

Il Dow ha perso l'1,39% (166,13 punti) a 11.823,70, peggiore seduta da novembre. Il Nasdaq (in tilt per un'ora a causa di problemi tecnici), ha lasciato sul terreno il 2,48% a 2.687,02 (- 68,26 punti). L'S&P 500 ha ceduto l'1,78% a 1.276,35 (-23,19 punti).

A pesare sui listini USA e, di conseguenza, anche su quelli Europei, la situazione dell’Egitto e le preoccupazioni che ci sia un effetto domino nel mondo arabo. Paesi come Tunisia, da cui tutto è partito, Yemen, Algeria, ed Egitto rappresentano la faccia di quella protesta tutta locale, ma che ha dei tratti comuni, perché condivide temi come disoccupazione, libertà, rincaro dei prezzi dei generi alimentari e lotta a dittatori. Le conseguenze geopolitiche ed economiche non possono essere quindi prese sotto gamba dagli Stati Uniti e dall’Europa. Il canale di Suez, principale punto di collegamento commerciale tra Europa ed Asia, attualmente è presidiato dall’esercito Egiziano. E’ importante che resti aperto perché non possa condizionare negativamente i trasporti dell’area. Ma anche la situazione in Algeria e Yemen preoccupa gli States. Se cadessero in mano a sostenitori di al-Qaeda, gli States si vedrebbero venir meno due importanti alleati, senza considerare che l’Algeria è un vero e proprio gigante petrolifero.

Gli operatori di borsa hanno preferito tornare a puntare sui porti sicuri: oro, dollaro e Treasury. E attualmente gli analisti sono spaccati tra chi ritiene che quella di ieri sia stata una giornata a sé stante e chi, invece, pensa che la correzione di mercato sarà destinata a continuare, soprattutto se le incertezze non verranno spezzate via. A pensarla così è Andre Julian, market strategist di OpVest Wealth Management. E' chiaro, tutto dipenderà dalla possibile ulteriore estensione delle contestazioni.

(foto © freedigitalphoto.net)

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016