Excite

Borsa: le vendite colpiscono Europa ed Asia

I listini europei ed asiatici chiudono le contrattazioni in rosso. Il peggiore in Europa è l'indice francese, il Cac40, che perde il 4,03%, seguito dal nostro FtseMib e dall'EuroStoxx 50, che rispettivamente chiudono la seduta con il 3,89% e il 3,79% in meno.

Le motivazioni del nuovo sell-off

Tutto ha avuto inizio venerdì con le dimissioni di Juergen Stark, membro della Bce, contrario all'acquisto da parte dell'istituto centrale di bond italiani e spagnoli, che ha gettato qualche ombra sulla solidità e compattezza dell'Unione Europea. Nello stesso tempo si era diffuso un rumor su un possibile piano di default della Grecia, anche se prontamente smentito tanto dal Paese ellenico, quanto dai rappresentati europei.

Crisi Greca e paura nucleare

Tuttavia i timori sul possibile default greco hanno continuato anche oggi a pesare sulle quotazioni delle Piazze europee. A deprimere ulteriormente i corsi dei listini azionari ha contribuito anche la notizia di un incidente in una centrale nucleare francese, che ha avuto immediate ripercussioni sull'indice del Paese transalpino. Tra i titoli italiani i maggiori ribassi sono stati quelli dei finanziari (con l'eccezione positiva di MPS), di Buzzi Unicem, di Telecom Italia e di A2A, mentre tra i titoli francesi pesanti sono stati SocGen, BNP, Credite Agricole, Axa e Allianz.

Obama risolleva Wall Street

Gli indici USA, invece, hanno recuperato in tarda serata e chiuso in terreno positivo: il Dow Jones con lo 0,63%, l'S&P500 con lo 0,70%, mentre il Nasdaq 100 con l'1,10%. Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha manifestato l'intenzione di inviare in giornata il piano destinato a risollevare il mercato del lavoro. Questo disegno di legge è basato su idee democratiche e repubblicane, e non ha carattere politico ha detto Obama. Non ci saranno giochetti, nè politica, né ritardi, ha aggiunto, affermando che il disegno di legge dovrà essere approvato dal Congresso in via immediata. Il piano ha un valore di $447 miliardi. Non c'è ragione di non approvare questo piano, che è bipartisan, ha ricordato il presidente.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016