Excite

BCE: ecco spiegata l'incertezza dei mercati

I recenti dati economici "sono coerenti con una positiva dinamica di fondo dell'attività economica, a fronte del perdurare di un'elevata incertezza". E' quanto afferma la Bce nel suo bollettino mensile. Secondo la valutazione del Consiglio direttivo i rischi per queste prospettive economiche sono orientati lievemente al ribasso a fronte di un livello di incertezza "persistentemente elevato".

Guardando al 2011 - prosegue Francoforte - le esportazioni dovrebbero beneficiare del perdurante recupero dell'economia mondiale. Tra i principali fattori positivi ci sono il grado relativamente elevato di fiducia delle imprese, la domanda interna del settore privato, una politica monetaria accomodante. Se il dato sulla fiducia delle imprese potrebbe essere anche maggiore delle attese, lo stesso discorso non vale per la fiducia dei consumatori del blocco Euro. Ieri, infatti, è stato diffuso il dato relativo a questo indicatore, il cui risultato è stato peggiore delle attese.

Gli attuali rischi, però, la BCE li vede altrove, come ad esempio nella trasmissione all’economia reale delle tensioni in alcuni segmenti dei mercati finanziari, nei nuovi possibili rincari delle materie prime e in una possibile correzione degli squilibri internazionali. E’ evidente che, per quanto riguarda il primo punto, la BCE si riferisca alla questione dei debiti sovrani dei Paesi Europei e non solo. Perché la paventata notizia di un nuovo stress test per le banche, più severo rispetto a quello già compiuto, ha già allarmato molti banchieri, anche e soprattutto nella florida Germania. Per quanto riguarda il rischio d’inflazione, è evidente che resta e resterà un problema serio, in quanto lo stesso aumento dei tassi è per il momento sconsigliato. Quella della BCE, più che un'analisi, sembra un avvertimento.

(foto © freedigitalphotos.net)

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016