Excite

Assicurazione RC auto: addio al colpo di frusta

Il recente decreto sulle liberalizzazioni relativo al settore assicurativo tra le diverse novità ha introdotto una norma che disciplina il "danno biologico".

In altri termini è stato deciso che una compagnia assicuratrice è tenuta al risarcimento di danni fisici solo qualora questi ultimi siano riscontrabili in maniera oggettiva in seguito ad accertamenti clinici obiettivi e strumentali.

Una norma a sicura tutela della compagnia di assicurazione. Colpo di frusta e simili non saranno più risarcibili in quanto patalogie non riscontrabili mediante accertamenti ed esammi medici.

Quali sono le novità del recente decreto?

Senza una prova concreta del danno fisico subito non sarà più possibile ottenere un risarcimento dalle compagnie assicurative. Grazie ai nuovi termini di legge non verrà più risarcito quello che in gergo viene definito il "danno biologico di lieve entità" il più frequente dei quali è appunto il colpo di frusta, spesso risarcito in passato anche se non presente, proprio per la difficoltà di valutare in maniera oggettiva il danno fisico.

L'Associazione Nazionale delle Imprese Assicuratrici (ANIA) ha rivelato che ogni anno vengono denunciati circa 500.000 colpi di frusta in seguito ad incidenti stradali. In Italia ogni 100 incidenti 23 fanno registrare danni fisici alle persone contro una media europea del 10%. Una vera e propria piaga per le compagnie di assicurazione: il colpo di frusta incide sui bilanci delle diverse imprese del settore per un valore di circa 300 milioni di euro all'anno.

Quella che può essere considerata una norma a favore delle imprese assicuratrici in realtà è stata pensata per cercare di ridurre nel medio periodo l'importo dei premi delle polizze sborsati dagli automobilisti. La diminuzione del volume dei risarcimenti da parte delle compagnie assicurative dovrebbe comportare in tempi piuttosto brevi un consistente ridimensionamento dei prezzi delle RC auto. Prezzi cresciuti in questi ultimi anni in maniera notevole proprio a causa delle numerose truffe intentate ai danni delle assicurazioni da parte di automobilisti disonesti.

Altre novità introdotte dal decreto sulle liberalizzazioni

Oltre alla modifica del trattamento assicurativo del danno biologico lieve, il recente decreto sulle liberalizzazioni ha introdotto tutta una serie di norme volte a contrastare il diffuso malcostume di truffare le compagnie assicurative.

Tra le novità vi è la creazione di una "banca dati testimoni e danneggiati", pene più elevate per chi viene scoperto a frodare le assicurazioni oltre all'introduzione dei tagliandi elettronici per evitare la diffusione dei contrassegni fasulli.

Una vera e propria rivoluzione per le compagnie di assicurazione: addio colpo di frusta con la speranza di riuscire ad abbassare i premi delle polizze RC quanto prima.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016