Excite

Assicurare una barca? Facile, ci aiuta internet

Come per le auto, anche per le barche a motore e per i tender è necessario un'assicurazione. E' stata la legge di riforma della nautica (legge 8 luglio 2003, n.172) che ha modificato la normativa che concerne l’assicurazione sulla responsabilità civile verso terzi. Tutte le unità da diporto che possiedono un motore a bordo(entrobordo o fuori bordo, anche se ausiliario) di qualsiasi potenza, questa è la cosa importante, devono essere muniti di una polizza assicurativa. La copertura assicurativa deve essere effettuata anche per i tender. Il limite dei tre cavalli fiscali che escludeva l’obbligo assicurativo è stato quindi abolito.

Le assicurazioni per le barche possono comprendere anche una serie di coperture extra, a seconda degli usi e delle necessità, andando da un massimo che comprende praticamente tutti i danni che la barca può subire durante la navigazione o la giacenza ad un minimo di assicurazione ridotta la cui copertura opera solo in alcuni casi. Data la stagionalità d'uso delle barche, sarebbe opportuno utilizzare un'opzione di limitazione temporale, che consente di ridurre notevolmente il costo del premio annuale.

In internet ci sono dei siti molto utili per confrontare tra di loro diversi preventivi per la stessa tipologia di barca. Sul sito 24hassistance, Skippermate offre agli internauti un approfondito servizio di comparazione. Un altro sito molto utile, a tal fine, è barca.it. Inoltre sono presenti in rete molti broker assicurativi che permettono di richiederne, di volta in volta, uno tagliato sulle proprie esigenze.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016