Excite

Angela Merkel, la biografia

Angela Merkel: una biografia che racconta la vocazione di una donna che fin da piccola si è trovata a vivere in un mondo impregnato di politica e con passione e tenacia ha studiato, lavorato e compiuto scelte necessarie, talvolta ciniche e dolorose, per diventarne la protagonista. Questa potrebbe essere la sintesi della parabola professionale e umana della Cancelliera tedesca, diventata all'improvviso famosa in Italia per le sue frizioni con Berlusconi e per la politica del 'rigore', tuttavia sarebbe una descrizione riduttiva. Ecco allora una breve storia dei momenti più importanti della vita di Angela Merkel.

Angela Merkel: da figlia del pastore a protetta di Kohl

Angela Dorothea Kasner nasce ad Amburgo il 17 luglio 1954, ma ben presto lascia la città natale per trasferirsi con la famiglia a Templin, un paesino di campagna 80 km a nord di Berlino, nella RDT. Il padre Horst, pastore luterano, vi è infatti mandato per fare evangelizzazione. Nella Germania comunista, Angela cresce imparando ben presto le regole fondamentali per sopravvivere alla dittatura, come spiega Gerd Langguth, docente all'università di Bonn, in un'intervista di qualche tempo fa a Il Giornale: "mai esprimere in pubblico le proprie idee, essere sempre allerta, mai fidarsi. E a scuola essere sempre i migliori".

La futura Cancelliera le segue alla lettera, diventando una studentessa eccellente - "i suoi compagni la descrivevano come un topone grigio, sempre china sui libri, anche alla fermata dell'autobus, ma pronta ad aiutare i compagni" - si laurea in fisica nel 1978 e diventa una ricercatrice. Prima però sposa Ullrich Merkel, che lascia nel 1981, portando con sè la lavatrice e il cognome, che terrà per sempre, nonostante il secondo matrimonio nel 1999 con il chimico Joachim Sauer.

La svolta politica arriva a metà tra i due uomini: è il 1989 e poco dopo la caduta del Muro "lei si presenta nella sede del Movimento democratico per dare una mano". Angela parla bene l'inglese e il russo e osservando il padre ha imparato fin da piccola l'arte della politica e della diplomazia: le due auto di cui disponeva la famiglia, i viaggi all'estero del pastore e una vita agiata lasciano infatti supporre che Horst Kasner avesse una rapporto privilegiato con le massime autorità della RDT. "Non era un uomo della Stasi, ma certo collaborava con i gerarchi dell'ex Ddr" dice Langguth e infatti era chiamato 'Kasner il rosso'.

La 'figlia del pastore' si iscrive alla Cdu e qui avviene l'incontro fondamentale della vita di Angela Merkel: la biografia ufficiale infatti dice che il Cancelliere in persona, Helmut Kohl la nota e la prende sotto la propria ala, cambiando per sempre la sua vita. Inizia un'ascesa politica inarrestabile, che da ministro per le Pari opportunità la porta a scalare le cariche di governo, fino a diventare Cancelliera una prima volta nel 2005, dopo avere 'rinnegato pubblicamente' il suo mentore, Helmut Kohl, e poi ancora nel 2009.

La Merkel e i dubbi sull'Europa

Angela Merkel ha una biografia di tutto rispetto in fatto di politica, ma nonostante i successi conseguiti in patria è guardata con poca simpatia dalla maggior parte degli europei e degli italiani. A 'remare' contro di lei il rigore applicato nei confronti degli stati UE e i molti timori espressi sulla tenuta della zona Euro.

"Non abbiamo ancora organizzato il progetto europeo in modo da essere sicuri che funzionerà e funzionerà bene. Questo significa che dobbiamo continuare a lavorarci. Abbiamo molto da fare, ma sono ottimista che avremo successo" ha dichiarato in una delle sue ultime interviste, ribadendo la necessità dell'impegno di tutti i paesi UE per uscire dalla crisi e salvare l'Euro e sottolineando ancora una volta che "non c'è solidarietà senza sforzi corrispondenti" nè alcuna "garanzia senza controllo".

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016