Excite

Eni – Petrochina: quando il Cane a sei zampe incontra il Dragone

Ieri Eni ha firmato un Memorandum of Understanding con CNPC/Petrochina, la più grande national oil company quotata al mondo. Il Memorandum stabilisce un ampio spettro di possibili opportunità di business sia in Cina che a livello internazionale.

I due, competitors in Estremo Oriente, cercano in questo modo di rafforzare le loro rispettive posizioni: il primo,Eni, nello stesso Estremo Oriente, il secondo, Petrochina, soprattutto in Africa. A prima vista quest’accordo va posizionato come uno scambio di favori. Il colosso cinese valuterà di acquistare degli asset di Eni, mentre Eni metterà a disposizione di Petrochina le sue competenze negli idrocarburi convenzionali e non, aiutandoli a posizionarsi con più forza in Africa. Tale decisione è stata presa a fronte di un’analisi del mercato di beni energetici cinesi. Secondo l’ad di Eni, Scaroni, il mercato cinese del gas è, infatti, molto promettente e destinato a crescere.

"La Cina oggi - ha spiegato – è un piccolo consumatore di gas. Il consumo di gas rappresenta il 3% dei consumi della Cina, quindi insignificante, ma d'altra parte, se la Cina vuole raggiungere gli obiettivi di taglio delle emissione di CO2, con una riduzione del 40% delle emissioni entro il 2020, c’è un solo modo in cui lo potrà ottenere: più gas e meno carbone". La Cina, ha sottolineato, aumenterà quindi i consumi di energia e "farà uno sforzo colossale" per aumentarli, basti pensare che "oggi consuma meno gas dell'Italia”. E se lo farà, avverte Scaroni, lo farà senza dover e voler dipendere dall’estero. La moneta da pagare da parte di Eni sarà la messa a disposizione del proprio bagaglio di competenze nel settore degli idrocarburi convenzionali e non e il soccorso dato al colosso nel posizionamento in Africa, dove il Cane a 6 zampe è già presente. “ Eni è il primo produttore di idrocarburi in Africa, noi siamo i primi, i più conosciuti, quelli con le radici più profonde in Africa, ci hanno scelto come partner per sviluppare proprio in Africa una presenza congiunta”

(foto © freedigitalphotos.net)

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016