Excite

730 precompilato, come funziona la dichiarazione dei redditi 2015 per dipendenti e pensionati

La semplificazione delle pratiche per la presentazione della dichiarazione dei redditi di pensionati e lavoratori dipendenti è il principale scopo che l’Agenzia delle Entrate intende perseguire tramite il collaudo del 730 precompilato, in arrivo in milioni di case via web a partire dal prossimo 15 aprile.

Aumentano le tasse, casa e trasporti i settori più a rischio per il 2015

    Twitter @AdvisorAbbate

730/2015 precompilato, come funziona

Il moderno strumento di certificazione del reddito lanciato in grande stile dall’amministrazione statale proverà a raggiungere nei tempi previsti il duplice obiettivo di ridurre il peso della burocrazia e di fornire ai cittadini i mezzi necessari a provvedere personalmente, senza spese aggiuntive, all’adempimento degli oneri relativi alla definizione del quadro economico del singolo e di famiglia.

Dichiarazione dei redditi 2015, novità per milioni di italiani

Al contribuente, una volta ricevuta la documentazione (basata su quanto risulta dall’anagrafe tributaria centrale) con i vari quadri del reddito riguardanti assicurazioni, mutui, imposte e detrazioni, spetterà l’unico compito di verificare attentamente la precisione delle informazioni menzionate nella dichiarazione precompilata per poi confermare o correggere il contenuto fornendo le dovute integrazioni entro i termini previsti dalla legge.

(Cosa cambia per milioni di famiglie col nuovo 730: dichiarazione più semplice?)

Dipendenti e pensionati, arriva il nuovo 730 precompilato

Non è obbligatoria l’accettazione della nuova forma di presentazione dei modelli finora gestiti dal sostituto d’imposta o dalla stessa Agenzia delle Entrate in un periodo dell’anno tra marzo e giugno, mentre chiunque fosse intenzionato ad ottenere il modulo online potrà autenticarsi sul sito web appositamente creato dall’amministrazione statale tramite le credenziali di Fisconline, tramite pin dispositivo dell’Inps oppure con la Carta Nazionale dei Servizi. Contribuenti minorenni e possessori di partita Iva attiva anche soltanto per un giorno nel corso del 2014 sono esclusi dall’elenco dei destinatari dello strumento ideato dall’Agenzia delle Entrate per le nuove dichiarazioni dei redditi.

Il 730 precompilato per lavoratori a reddito fisso e pensionati

Un professionista fornito di abilitazione o il Caf territoriale di riferimento potranno in alternativa essere delegati per la richiesta della dichiarazione precompilata, mentre pensionati e dipendenti non interessati a tale semplificazione avranno ancora la possibilità di percorrere la tradizionale strada del sostituto d’imposta per l’anno in corso. Informazioni dettagliate e assistenza costante ai contribuenti italiani verranno garantiti sia mediante la rete, dove da qualche giorno esiste un video tutorial molto cliccato dagli utenti che per via telefonica, attraverso il numero 848.800.444. e la web mail dedicata al servizio innovativo messo in campo dall’Agenzia delle Entrate su input del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

    Twitter @longobar

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016